Chi ha il diabete deve imparare ad avere una buona conoscenza del cibo in tutte le sue sfumature? Eh sì ci si abitua anche a fare quello e non solo, si riesce persino a fare la conta dei carboidrati, cosa proprio non facilissima.

Conoscere il cibo è fondamentale, soprattutto per avere la misura di quanto possa influire sulla glicemia quotidiana.

Se fai una ricerca sul web troverai facilmente quali sono i cibi con l’indice glicemico (detto I.G.) più alto e quelli con l’indice moderato e anche basso, e sicuramente sarai stupito dalle sorprendenti qualità nascoste di alcuni cibi.

L’indice glicemico può essere: alto-medio-basso

Strano a dirsi ma tra molti di questi cibi ci sono degli insospettabili.

Ora qualche notizia veloce
  • Nell’esperienza mia e di Davide abbiamo notato che i cereali siano quasi proibitivi, perché fanno alzare in modo importante i livelli di glucosio. Le carote meglio crude che cotte, meglio la pasta del riso (che ha un carico glicemico veramente considerevole), oppure meglio le patate bollite invece di quelle al forno.
  • Se andate al cinema cercate di non mangiare i popcorn che fanno alzare tantissimo la glicemia (si “cercate” è d’obbligo perchè io come mamma mangio le stesse cose di Davide almeno fino a che non sarà in grado di gestire da solo il cibo).
  • Ci sono tanti blog di cucina che riportano in maniera molto semplice la tabella con gli indici glicemici di tutti i cibi, quello che io seguo che reputo più semplice ed esaustivo è https://cucinare.meglio.it
  • C’è poi un semplice trucco per ridurre l’indice glicemico degli alimenti che si consumano, ed è quello di inserire la giusta quantità di fibre. Gli alimenti che le contengono infatti sono in grado di tenere a bada la glicemia.

Perciò largo alle fibre di tutti i tipi nell’alimentazione di tutti i giorni.

Il vantaggio delle fibre non è solo per favorire la motilità dell’intestino, ma le stesse possono anche essere una utile prevenzione per varie malattie, e per chi è attento al peso, anche nell’assorbimento dei vari alimenti.

Avere il diabete non vuol dire comunque dover rinunciare al gusto che il cibo e soprattuto la nostra salutare dieta mediterranea ci regala.

Non fate mai di testa vostra, il diabetologo saprà consigliarvi insieme al nutrizionista, la vostra dieta ideale.

Lascia un commento